Sei in: Skip Navigation LinksHome > News-Primopiano
AL SANTUARIO L'INCONTRO TRA I VESCOVI E I PRETI ANZIANI
Indietro


 

Al Santuario l’incontro tra i Vescovi e i preti anziani

Si terrà il 22 settembre: dopo il pranzo il momento di fraternità seguito dalla recita del Rosario e dalla Messa in basilica

Giovedì 22 settembre, presso il nostro Santuario, è in programma un incontro tra i Vescovi lombardi e il clero ammalato e anziano. L’iniziativa nasce dall’invito rivolto dall’Unitalsi Lombarda a don Tarcisio Bove, responsabile della Pastorale della salute per la Conferenza episcopale lombarda e membro della Commissione regionale Clero anziano e ammalato.

Riunita come da tradizione quel giorno a Caravaggio, la Conferenza Episcopale Lombarda, sotto la presidenza del card. Angelo Scola, ha accettato di incontrare i sacerdoti lombardi infermi o avanti con l’età».

«Sarà possibile accogliere presso il Santuario fino a 200 sacerdoti – precisa don Bove -. L’Unitalsi Lombarda provvederà ad assicurare la necessaria assistenza ai confratelli che confluiranno a questo incontro di fraternità e preghiera».

I sacerdoti che intendono partecipare devono compilare l’apposita scheda d’iscrizione. In caso di necessità per il trasporto i sacerdoti cremonesi possono rivolgersi alla Sottosezione cremonese dell’Unitalsi (via S. Antonio del Fuoco, 9 A – 26100 Cremona – tel./fax 0372/458946 – mail cremona@unitalsilombarda.itwww.unitalsicremona.info).

Di seguito il programma della giornata nel dettaglio:

  • ore 12: accoglienza sacerdoti ammalati e anziani
  • ore 13: pranzo presso il Centro di spiritualità del Santuario
  • a seguire: incontro con i Vescovi lombardi
  • ore 16: in auditorium ritrovo dei sacerdoti per la preparazione alla liturgia e consegna nominale della stola ai sacerdoti partecipanti
  • a seguire: in processione, recita del Santo Rosario e ingresso in basilica
  • ore 16.30: Messa presieduta dal card. Angelo Scola e concelebrata dai Vescovi della Lombardia e i sacerdoti presenti
  • al termine: consegna della stola al Cardinale e ai Vescovi celebranti.